Il Festival Castel dei Mondi quest’anno anche a Barletta

Eventi


Il festival “Castel dei mondi” approda anche a Barletta. Più di 33 spettacoli previsti per la 17° edizione di quest’evento, uno dei più importanti in Puglia e che quest’anno si intitola Trasformazioni urbane. Quindi da sabato 24 agosto a domenica 1° settembre l’arte prende forma nella nostra terra e viene esibita magistralmente in location ricche di fascino come il centro storico di Andria, Castel del Monte e da quest’anno anche nei castelli di Trani e Barletta. Così, l’evento si espande territorialmente andando a creare una cerniera ideale tra i simboli del nostro territorio e il Castel del Monte.

Un festival al quanto singolare, questo, che dopo 17 anni è ancora in grado di essere innovativo e vitale, evidenziando realtà locali meritevoli per la capacità e l’impegno impiegato nel loro lavoro. Tra gli spettacoli di quest’anno, ci saranno anche otto debutti nazionali e sei coproduzioni.

castel-dei-mondi

Il festival, giunto quasi alla maggiore età, quest’anno vede il coordinamento artistico suddiviso in tre sezioni:

  • INTERNAZIONALE E SPECIALE diretta da Riccardo Carbutti, che presenta cinque spettacoli che si fondono con la tecnologia. Silvia Mercuriali e Simon Wilkinson presentano «The great Spavaldos» una performance della compagnia italo-inglese Pixel Rosso, singolare progetto che ingloba in sè due arti diverse l’autoteatro e il cinema. «Nos Solitudes» è uno spettacolo francese in programma, in cui la protagonista Julie Nioche è una danzatrice, che ammalierà il pubblico rimanendo sospesa in aria. Al Castello Svevo di Barletta per una prma regionale farà tappa “Forecasting” della compagnia 1er Stratagème, spettacolo che ha come protagonista principale il computer, mentre a Castel del Monte Anagoor presenta “Lingua Imperi”, e conclude con con Babayaga di Tpo un tributo all’illustratrice e fotografa francese Rebecca Dautremer .
  • NUOVA DRAMMATURGIA diretta da Antonella Papeo, che vede il grande ritorno di Serena Sinigaglia. Tanti anche i grandi nomi che spiccano in questa sezione come Tony Clifton Circus, che con «Losers – Dente per dente», o Daria Deforian e Antonio Tagliariniche che con «Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni» si esibiscono per la prima pugliese. Tanti saranno anche gli esordi regionali come Bhoéme!, un’esibizione firmata Vico Quarto Mazzini e Il guaritore spettacolo ideato e messo in scena dal Teatro Minimo.
  • SEZIONE OFF coordinata dal direttore artistico Mario De Vivo che presenta due esordi in Italia, lo spettacolo della band di Amy Winehouse e Anthony Strong, a cui si aggiunge il monologo Gola e altri pezzi brevi con Valerio Aprea.

Ogni sezione ha un proprio significato specifico ma tra loro si mostrano sinergicamente correlate per garantire al pubblico uno spaccato del mondo contemporaneo messo in scena sul palco.

Si sente l’esigenza, e l’organizzazione di questo festival ne è l’esempio, di investire nella cultura come mezzo utile per incentivare il turismo e sviluppare l’economia. Questo evento infatti, diventa vetrina per tanti talenti locali e nazionali oltre che occasione per rilanciare spazi cittadini che prendono vita ed offrono una diversa e coinvolgente quotidianità.