Legambiente libera Arè. La tartaruga marina torna nel suo habitat

Curiosità


Al largo della costa Barlettana, ieri mattina è stata liberata una tartaruga marina della specie caretta caretta, lunga 55 centimetri. Il suo nome è Arè, (nome dialettale ripreso da Eraclio, il colosso in bronzo simbolo della Città di Barletta), ed è stata salvata tre mesi fa tra Margherita di Savoia e Barletta, dove si trovava in serio pericolo di vita. Subito dopo è stata trasportata, per le cure, presso il Centro Recupero Tartarughe Marine di Legambiente sito a Manfredonia. La sua liberazione, una volta che i veterinari del centro hanno ritenuto opportuno il rilascio, è avvenuta per opera di Legambiente con la collaborazione della Capitaneria di Porto di Barletta e la Guardia di Finanza in occasione del passaggio, proprio dal porto della nostra città, della Goletta Verde, la storica campagna di informazione e monitoraggio scientifico dell’associazione ambientalista a salvaguardia del mare e delle coste italiane. La liberazione di Arè è in realtà un messaggio di speranza che Goletta Verde lancia per un mare che sia davvero e finalmente libero per tutti, a partire dai disabili, ma anche e soprattutto per ribadire il proprio sogno di fondali liberi dalla minaccia del petrolio.

Commenti

commenti