Lampascioni sott’olio e sott’aceto

Gastronomia


Il termine “lampascione” è la traduzione in dialetto pugliese di “lampagione”, pianta erbacea simile alle cipolline. A Barletta, i “lampascioni” si preparano sott’olio oppure sott’aceto, utilizzando olio, aceto, foglie di menta e alcuni spicchi di aglio. Essi devono essere lavati accuratamente in acqua fredda o lasciati a bagno per 12 ore, allo scopo di rimuovere successivamente le parti dure e superflue. Riporli in una pentola piena di acqua salata e aceto per cominciare la cottura. Scolarli e conservarli in un vasetto su un letto di foglie di menta e spicchi di aglio. Raggiunto il livello del vasello, coprire l’ultimo strato con olio e consumarli dopo almeno 30 giorni dalla preparazione.

lampascioni-barletta