La prima vittoria stagionale del Barletta arriva contro il Gubbio in Zona Cesarini

Archivio

» articolo a cura di Savino Tupputi

gubbio-barletta

Lunedì, 11/11/13, ore 14 in punto: la mia auto immatricolata 11/2012 ha tagliato da poco i 42000km… si chiaro, c’è di mezzo il lavoro ma anch’io ci metto del mio: 2000km per un week-end non sono male.. ma che weekend, signori! Ne è valsa la pena, dopo un giro di piacere in Veneto, “fare un salto casualmente” in quel di Gubbio per seguire la mia, la nostra amata: il Barletta del dimissionario presidente Tatò va di scena al Barbetti nella tradizionale domenica eugubina della festa della “Cuccagna”; festa di San Martino che sarà rinviata e per motivi climatici e per la prima vittoria stagionale dei biancorossi (ahaha!!). Si amici, avete ben inteso: i cavalieri tornano dalla città medievale con tre punti.. ma che c’è voluto!! Fulmini, tuoni, acqua a catinelle, due espulsi dopo un primo quarto d’ora, un gol al 90esimo, un terzo espulso che di uscir dal campo non ne ha voluto sapere, un presunto ricorso dei padroni di casa, un secondo gol annullato e ben 10’ complessivi di recupero tra primo e secondo tempo con un arbitro che ci ha messo del suo per essere unico ed indiscusso protagonista del match.. chiaramente dopo di noi, quella trentina di ultras che per due ore sono stati lì ad incitare gli 11 di mister Orlandi in un vero e proprio acquitrino.



Senza dubbio vado a Gubbio” è stato il motto degli ultras G.E. Barletta dopo il pari a reti bianche maturato domenica scorsa al Puttilli, contro un Perugia tanto blasonato ma che poi poco ha mostrato al cospetto di un redivivo Barletta: la beffa del rigore sbagliato dal 9 biancorosso Picci ha lasciato l’amaro in bocca proprio nell’unica gara in cui i padroni di casa sembravano potessero ambire all’intera posta in palio; ma così non è stato e proprio l’attaccante barese a quei pochi che c’hanno creduto ha regalato quella gioia negata sette giorni fa: suo il gol che ha deciso il match in zona Cesarini contro un Gubbio che ci ha messo il cuore, la grinta e che per novanta minuti ha cullato il sogno dell’impresa: un segno X ieri, dopo 75’ nove contro undici avrebbe galvanizzato gli eugubini e fatto sprofondare i biancorossi. Non tanto sulla fattura del gol, maturato su azione rocambolesca e confusionaria in area locale, quanto sull’abbraccio prolungato di tutta la squadra panchina compresa è che vorrei focalizzare l’attenzione: dei ragazzi che da maggio scorso, eccezion fatta per i play out ed una gara interna in coppa Italia Lega Pro contro la Paganese, non vincevano un match ufficiale, in campionato ben cinque sconfitte, un primato negativo per le reti all’attivo a livello europeo.. beh, gli stessi ragazzi ieri mi sono sembrati uniti, finalmente hanno cacciato fuori tutta la rabbia e la delusione accumulata per la pochezza di risultati, si sono sentiti ancora vivi in un campionato che già sabato (anticipo in Lega Pro) potrebbe dar loro un altro segnale importante: arriva il Viareggio appena agganciato a quota 7.. non vorrei pronunciarmi, bisogna andarci piano ma una prestazione positiva darebbe davvero una bella scossa all’ambiente.

Noi continueremo ad esserci per questi stessi ragazzi che finora solo delusioni erano riusciti a darci: io una gioia l’ho avuta, un’altra perché no?!

TUTTI ALLO STADIO, BARLETTA SIAMO NOI!!



Ti è piaciuto l'articolo? Clicca mi piace o condividilo su Facebook con i tuoi amici.